Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

E' un problema ricorrente tra Architetti e Ingegneri che utilizzano il software Archicad (qualsiasi versione essa sia) quello dell'archiviazione dei progetti. I più ordinati e attenti all'archiviazione utilizzeranno un semplice insieme di cartelle e sotto-cartelle con i progetti divisi per mese e anno. Comprimere le cartelle con un programmino apposito (tipo WinRar o WinZip) può aiutare a risparmiare un pò di spazio, ma il vero problema è un'altro.

Il fatto è, che dopo alcuni anni quasi certamente saremo passati a versioni del programma nuove, con librerie nuove, senza contare il fatto che potremmo aver fatto ricorso a librerie esterne al momento della realizzazione, che ora non utilizziamo più. Il risultato è che quando andremo a riaprire i vecchi progetti compariranno tanti pallini, che indicano oggetti di libreria mancanti. Il grosso problema è che a volte non mancano soltanto solo elementi di arredo tipo sedie, tavoli o divani, ma elementi ben più importanti come porte o finestre.

Per archiviare correttamente i nostri progetti Archicad dobbiamo necessariamente utilizzare un apposito formato, creato appositamente per adempire a questo compito. Stiamo parlando del formato .pla "Progetto Archivio Archicad". Un file archivio .pla è simile ad un progetto normale, ma include non solo i collegamenti agli oggetti di libreria, ma anche gli oggetti veri e propri e gli attributi utilizzati nel progetto.

Il formato .pla è dunque pensato appositamente per l'archiviazione dei progetti perchè contiene tutti gli elementi che occorrono. Naturalmente trovare questa opzione di salvataggio nel menù "Archivio" alla voce "Salva con nome". Il tempo richiesto per il salvataggio sarà un pò più lungo, e molto maggiore sarà lo spazio occupato, ma all'occorrenza il file cosi salvato conterrà tutto quello che è necessario per visualizzare completamente e correttamente il progetto.

Per ovviare a un eccessivo utilizzo dello spazio vi ricordiamo quindi il consiglio dato già sopra, ovvero quello di comprimere i file con appositi programmi tipo WinRar o WinZip solo per citarne alcuni.